Vi bevo uomini miei…

Ho già parlato di questo Blog ma i suoi racconti meritano un’altra citazione Tramineraromatico è…è… indescrivibile dovete solo leggere e visitare le sue pagine https://tramineraromatico.wordpress.com/

 

tramineraromatico

vampira bianca

Sono una donna vampiro, ma di una specie particolare: non vivo di sangue che zampilla rosso da una carotide recisa, ma di seme, il bianco succo della vita, che bevo direttamente alla fonte dei maschi della vostra specie .
Sono sempre affamata e assetata.
A differenza dei vampiri classici io caccio sia di notte che di giorno scegliendo prede giovani e belle.
Nessuno vede dietro i denti bianchi e le labbra morbide una lingua che sa avvolgersi come un serpente su se stessa, preparandosi a lambire carne calda, per spremerla fino all’ultima goccia come farebbe una pianta carnivora.
Nessuno capisce che quello che fa fremere il mio seno generosamente esposto o che fa pulsare di voglia il mio ventre non è il desiderio di essere penetrata, ma quello di mangiare e bere, succhiando anche l’anima della mia vittima.
E la mia bravura vi porta in paradiso, uomini miei, la prima…

View original post 506 altre parole

Annunci

Presentazione del libro – ma com’è andata?

Forse ancora non lo conoscete o forse sì in tutti i modi Avvocatolo merita un reblog forse ne ha avuto più di uno, ma la sua menta e genialità uniti a follia pura fanno di lui un personaggio da seguire, e non dimenticate il suo libro.

 

AVVOCATOLO

Ore 08.30 

Ammazzo il tempo provando con l’automeditazione, canto un po’, nella testa.

Ore 09.40

“Boss, oggi uscirei prima, boss”

“Tipo alle 22.00?”

“No, tipo alle 18.00”

“Che hai da fare?”

“Una visita”

“A chi?”

“A me”

“A te?”

“A me”

“In che senso?”

“Mi faccio una visita, dal medico, vado dal medico”

“Che tu non stessi bene lo sospettavo da tempo sai?”

Ore 14:30

W@t’s up: [Avvo ho finito di farti i rustici torna presto]

[Tonno preso scusa maledetto T9 tonno perso volevo dire]

[Avanti spiegami come hai fatto a perdere un tonno, nuotavate insieme?]

Ore 16:20

[Avvo a che ora porti vino e roba varia? Prendiamoci un’oretta per sistemare]

[Garantito a limone, alle 18.00 esco, vado a casa a prendere rustici e beveraggio, e alle 19.00 sono da te, cascasse il mondo]

Ore 17:20

[Tonna perso amore]

[Pure tu vittima del T9 eh, “avanti spiegami se nuotavi col pesce”]

View original post 1.165 altre parole

Una mattina afosa

Bellissimo racconto da Briciolanellatte tanto da leggere nel suo blog seguitela

Briciolanellatte Weblog

finestra sul giardinoOsservava il giardino dalla finestra, mezzo nudo, le palpebre a fessura per difendersi dalla luce. La notte era stata calda, afosa, irrespirabile. Lei dormiva ancora, in modo scomposto, segno di un sonno agitato. Era tardi e le cose da preparare prima di partire erano ancora molte. ‘Andiamo’ si disse mentalmente senza muoversi; e in un angolo della finestra, tra i vetri e la zanzariera, notò una vespa a zampe in su come fosse stata fulminata dal getto di un flit.
«Proprio grossa!» si lasciò sfuggire a voce alta.
«Cosa?» mormorò lei con la voce impastata girandosi sull’altro fianco.
«Una vespa…» rispose Luca senza riflettere. Lei scattò giù dal letto, perfettamente sveglia, gli occhi sbarrati.
«Dove, dove?» gridò guardandosi attorno, il collo incassato tra le spalle, pensando fosse nella stanza.
«Ma stai tranquilla, è fuori dalla finestra. Non c’è nessun pericolo.»
Lei non gli credette fino a quando, spostando il compagno di…

View original post 610 altre parole

I sogni sono bambini annoiati

Viki Baum in arte Tramineraromatico tutti i giorni ci regala sogni, sensazioni, amori. Il suo blog è un’esplosione di sapere.

tramineraromatico

Il surrealismo di Yacek Yerka Il surrealismo di Yacek Yerka

All’inizio del tempo molti Spiriti abitavano l’Universo: tra questi ve n’era uno chiamato Sonno, incaricato del riposo di tutte le creature viventi.
Sonno aveva una moltitudine di figli, i Sogni, che in quei lontani tempi non pensavano davvero di entrare nella mente degli umani.
Un giorno caldo d’estate Sonno decise di portare tutta la sua progenie, maschi e femmine, a fare una gita al mare; d’altra parte nelle ore di luce non era davvero oberato di lavoro.
Arrivati alla spiaggia videro la grande barca dello Spirito delle Acque amico di Sonno che li aspettava; così tutti i ragazzi si imbarcarono lasciando il genitore a terra a oziare sotto le palme.
Ora, molto tempo prima Sonno aveva litigato ferocemente, arrecandogli grave offesa, con il potente spirito nominato Tempesta il quale aspettava solo l’occasione per vendicarsi.
Così quando i piccoli Sogni furono al largo Tempesta sferzò il…

View original post 274 altre parole